News

Unico visto per il sud est asiatico!

Notizia positiva per i viaggiatori “zaino in spalla”, alle prese con mille pratiche burocratiche per ottenere il visto per il sud est asiatico. Presto sarà possibile viaggiare in quella regione con un solo visto! L’associazione ASEAN, che riunisce i paesi della ragione, sta cercando di implementare la politica del visto singolo per tutti e dieci i paesi che la compongono. Si potranno attraversare i confini dei dieci paesi – Sultanato del Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar (Birmania), Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam – solamente con un visto di entrata riconosciuto da tutti questi paesi. Basta code alle frontiere per ottenere il visto del paese in cui si entra e relative tasse amministrative per pagarne l’emissione.

Il turismo nel sudest asiatico sta prendendo piede sempre di più anche alle nostre latitudini e di pari passo si sta sviluppando il turismo da backpackers, i cosiddetti turisti “zaino in spalla”. Questa semplificazione sicuramente aiuterà la regione ad incrementare i flussi turistici nei vari paesi, che, vista la distanza dall’Europa, spesso vengono visitati in tours di 2/3 paesi alla volta. Un unico visto per il sud est asiatico, è senza dubbio una introduzione che avrà sicuramente un peso importante nell’ulteriore sviluppo del turismo.

Con i turisti backpackers, stanno aumentando in maniera considerevole le compagnie aeree low cost che servono la regione, vi avevamo parlato di un paio di queste qui. La particolarità di questi vettori è che non sono sottoposti a leggi particolarmente stringenti (come avviene in Europa con l’Open Sky agreement) e l’organizzazione delle rotte avviene effettivamente secondo il fabbisogno dei flussi turistici. La regione si sta sempre più attrezzando per il turismo e molto spesso si dimostra addirittura una avanguardia, come nel caso dell’unico visto per il sud est asiatico.

Sicuramente policy di viaggio meno stringenti aumentano il turismo, che nella regione pesa in maniera considerevole nell prodotto interno lordo dei singoli paesi. Risparmiare qualche decina di euro nei vari visti che servono per visitare la regione e non perdere tempo tra consolati e controlli di frontiera è un vantaggio che fa di questa notizia una novità da tenere sott’occhio, soprattutto da parte di chi ha intenzione di andare.

Farete application per il visto per il sud est asiatico? Avete intenzione di andarci?

Tags: , , ,

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


uno + = 9

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>